TEATRO DELL’OPERA

MAD_Harbin_Opera_House_001_©Hufton_Crow

Teatro dell’Opera

Harbin (2015)

1600 posti

MAD_Harbin_Opera_House_002_©Adam_Mork

Le sale d’opera più spettacolari e moderne ormai le dobbiamo cercare al di fuori dell’Europa e degli Stati Uniti. A Harbin, città di quasi dieci milioni di abitanti nel nord est della Cina, è stato inaugurato un centro culturale sul terreno acquitrinoso lungo il fiume Songhua. Il sinuoso complesso teatrale è il punto focale dell’isola, occupa un’area edificabile di circa 78 mila m2 e all’interno ospita una sala principale con 1.600 posti a sedere e una secondaria più raccolta per 400 spettatori.

MAD_Harbin_Opera_House_020_©Hufton_Crow

Il teatro è stato progettato in risposta al clima gelido e alla natura selvaggia e incontaminata della zona. Il complesso, le cui forme sembrano erose dal vento e dalla pioggia, si mescola senza soluzione di continuità con il contesto naturale e la topografia, facendosi manifesto dell’identità, dell’arte e della cultura locale.

MAD_Harbin_Opera_House_021_©Adam_Mork

La facciata curvilinea è composta da sottili pannelli bianchi in alluminio, che danno vita a una vivace alternanza tra gli angoli acuti e le superfici piane. Il percorso inizia attraversando il ponte che dà accesso all’isola, dove il complesso dalla geometria ondulata abbraccia un’ampia piazza pubblica, fondendosi al paesaggio innevato durante i mesi invernali. La promenade architettonica funge da elemento scenografico e fa sentire i visitatori parte integrante del progetto. Una volta entrati dall’atrio principale si trovano di fronte a un’ampia vetrata che circoscrive l’ingresso e funge da elemento di connessione visiva tra gli interni curvilinei, la facciata degradante e la piazza all’esterno.

MAD_Harbin_Opera_House_011_©Hufton_Crow

Alzando lo sguardo, un soffitto continuo in vetro si leva al di sopra della lobby con il supporto di una struttura leggera, a griglia diagonale. Quest’ultima alterna porzioni levigate ad altre sfaccettate rievocando la struttura molecolare della neve e del ghiaccio. I visitatori, prima ancora di sedersi al proprio posto, sono accolti dalla semplice maestosità della luce naturale e delle sensazioni materiche.

MAD_Harbin_Opera_House_008_©Adam_Mork

Il teatro principale è un elemento invitante, che trasmette calore anche grazie al rivestimento in frassino locale, che ricorda le superfici lignee erose dal tempo. Il legno avvolge gentilmente il palco centrale e le sedute creando un effetto acustico senza precedenti. Il teatro principale viene illuminato parzialmente da un lucernario, elemento che con discrezione connette i visitatori con il mondo al di fuori, rendendoli partecipi del volgere delle ore.

MAD_Harbin_Opera_House_015_©Adam_Mork

All’interno della struttura secondaria, un’ampia apertura panoramica lungo il fondale è un trait d’union tra gli ambienti interni e gli spazi all’aperto. La vetrata insonorizzata crea uno scenario naturale per gli spettacoli e per le attività da svolgere sul palco, fungendo sia da estensione del paesaggio sia da fonte d’ispirazione per eventuali rappresentazioni.

MAD_Harbin_Opera_House_018_MAD_©Hufton_Crow MAD_Harbin_Opera_House_014_©Hufton_Crow MAD_Harbin_Opera_House_024_©Adam_Mork

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...