Les Indes galantes

41nobwRLPVL

★★★★★

Splendida produzione

Produzione della seconda opéra-ballet di Rameau (1735) registrata all’Opéra Garnier di Parigi nell’autunno 2003. Semplice da raccontare la vicenda del libretto di Louis Fuzelier. Nel prologo Ebe (una smaglian­te Danielle de Niese), l’enofora degli Dei, a causa delle continue dispute tra Amore (Valérie Gabail) e Bellona (un esila­rante João Fernandes en travesti) decide di inviare i suoi seguaci alla ricerca del vero amore.

Inizia così questo giro del mondo in quattro quadri che ci porta dapprima in Turchia a conoscere la vicenda del generoso Osman, un personaggio reale che era stato oggetto delle crona­che del tem­po, che rinun­cia al suo amore per Emilie per gratitu­dine di un’an­tica amicizia.

Segue il Perù, dove la principessa degli Incas, oggetto delle sozze brame del gran sacerdote, ama il conquistador Don Carlos, un deliziosamente fatuo François Piolino.

La terza entrée ci porta in Persia – le Lettres Persanes di Montesquieu erano apparse non a caso dodici anni prima – per una vicenda di due coppie e di travestimenti non lontana dal Così fan tutte e deliziosamente ‘mozartia­no’ è anche il quartetto «Ten­dre amour».

Per l’ultimo quadro riattraversiamo l’Atlantico per arrivare tra gli indiani del Nord America dove Zima (una scatenata Patri­cia Peti­bon) rifiuta le avances sia del francese che dello spagno­lo per il bon sauvage Ada­rio, in armonia con la critica della ci­viltà che farà di lì a pochi anni il Rousseau. In tutti i quadri l’amore trionfa dunque in tutte le avverse condi­zioni.

Nutrita e di alto livello la schiera degli interpreti: il bravissi­mo Christie alla guida dei musicisti de Les Arts Florissants, dei cantanti s’è già detto, la vivace regia di Andrei Șerban, le scene “baroc­che” e i costumi fan­tasiosi di Marina Draghici, le ironiche coreo­grafie di Blanca Li.

Ottima qualità di suono e immagini e curata presenta­zione su due dischi con extra di quasi un’ora contenenti interes­santi interviste e approfondimenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...