MARIINSKIJ II

Russia Mariinsky Theatre New Stage

Mariinskij II

San Pietroburgo (2013)

2000 posti

maxresdefault

Proprio dietro l’edificio originale, sull’altra sponda del canale Kryukov, si erge oggi il Mariinskij II: una moderna struttura di vetro e cemento caratterizzata dal massiccio impiego di una pregiata varietà di onice color miele. Il progetto prevede che la sala da concerti sia “avvolta” da pareti di onice che hanno richiesto l’impiego di 1.500 metri quadrati della pietra semipreziosa. Procurarsi una simile quantità non è stato facile e ha obbligato il cantiere a farlo arrivare dall’Italia, dall’Iran, dalla Macedonia e dalla Turchia. Viste le imponenti dimensioni del teatro, l’onice è chiaramente visibile anche dal lato opposto della strada, attraverso la facciata di vetro dell’edificio.

Mariinsky7-Diamond-Schmitt-full2.jpg

L’architetto canadese Jack Diamond ha definito il nuovo Mariinskij «una chiesa della musica». La sala è stata progettata in modo da favorire al massimo la resa acustica. A questo scopo è stato chiesto l’intervento della tedesca Müller-BBM, che vanta una grande esperienza, avendo collaborato tra l’altro all’allestimento acustico dell’auditorium di Bregenz, del Teatro Bolshoj di Mosca e della Bundestag tedesca.

h3kobv4yp7auj2o5

I pavimenti di legno conferiscono alla sala un suono eccellente. Il nuovo teatro conta inoltre solo tre balconate al posto delle solite quattro o cinque, e questo contribuisce a renderne l’atmosfera più raccolta e a dare al pubblico la sensazione di un incontro più ravvicinato con cantanti e musicisti.

Diamond-Schmitt-Mariinsky-II-Saint-Petersburg-2

Questa “cattedrale” ha una storia breve ma già piuttosto tumultuosa. La decisione di costruire un nuovo Mariinskij venne presa nel 2003. A imporsi su tutti gli altri candidati fu l’architetto californiano Eric Owen, al quale fu affidato il progetto. In seguito i lavori furono interrotti per problemi economici e l’incarico passò all’architetto francese Dominique Perrault. Questi gettò le fondamenta del suo progetto, che prevedeva la costruzione di un enorme uovo dorato. L’idea non convinse Valerij Gergiev, che recentemente, durante una conferenza stampa, ha ricordato con tono sprezzante di «aver capito a un certo punto che non avevamo bisogno di qualcuno che si cimentasse nella costruzione di un teatro, ma di qualcuno che sapesse come se ne costruisce uno».

luo1g506d7hqrdkj

Fu allora chiamato l’architetto canadese Jack Diamond, di cui Gergiev aveva visitato e ammirato alcuni lavori: la Symphony Hall di Montreal e il Four Seasons Centre for the Perfoming Arts di Toronto, rimanendo colpito dalla loro acustica. Era proprio quello di cui San Pietroburgo aveva bisogno. Diamond progettò una sala da concerti da duemila posti, da adattare alle fondamenta già esistenti. Il Mariinskij II può facilmente ospitare sino a tre rappresentazioni al giorno. Il vecchio Mariinskij è diventato la sede di elezione per il balletto.

Mariinsky-03

Russia Mariinsky Theatre New Stage

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...