Vanessa

Samuel Barber, Vanessa

★★★☆☆

Glyndebourne, Opera House, 14 agosto 2018

(streaming video)

Tre donne, tre generazioni

Prima di Antony and Cleopatra, la sua altra opera il cui fiasco nel 1966 lo aveva portato a una profonda depressione e all’alcolismo, Samuel Barber aveva conosciuto il successo, per lo meno in America, con Vanessa, presentata al MET nel 1958.

Tema dell’opera è l’aspro conflitto tra l’idealismo emotivo e la realtà sessuale. Vanessa si è confinata nel suo palazzo in scandinavia (siamo nel 1905) nell’ossessiva attesa del ritorno di Anatol, un uomo sposato con il quale ha avuto una relazione 20 anni prima. I suoi unici compagni sono la nipote Erika, una giovane sognatrice, e la madre di Vanessa, la baronessa. Quest’ultima, arbitro della verità morale, si rifiuta di parlare con chiunque lei consideri vivere nella menzogna e con la figlia ha mantenuto un silenzio assoluto dopo la fine della sua relazione con Anatol. Un uomo chiamato Anatol arriva veramente, ma si dimostra non essere l’ex amante di Vanessa, ma suo figlio, un avvenente opportunista senza scrupoli che seduce Erika. L’incontro porta al risveglio sessuale della ragazza, ma rende anche palese l’incapacità dell’uomo ad amare. Anche quando si rende conto di essere incinta, lei lo rifiuta, affermando il diritto di ogni donna ad aspettare l’arrivo del vero amore. Anatol sposta allora le sue attenzioni verso Vanessa che, vedendolo come la parte più giovane del padre, se ne innamora. La notte che Vanessa e Anatol annunciano ufficialmente il loro fidanzamento Erika si allontana dalla casa e si fa deliberatamente del male in modo da abortire. Vanessa, chiusa nei suoi deliri, parte con l’uomo per affrontare un futuro che intuiamo sarà catastrofico. Erika, nel frattempo, si confina nel palazzo e tocca a lei ora aspettare, come sua zia ha fatto in precedenza. Erika ha mentito sulla sua gravidanza e ora deve convivere con il silenzio ostinato della baronessa. «It shall all be as you were here» sono le ultime parole di Erika a Vanessa.

L’abile libretto di Giancarlo Menotti ben delinea l’atmosfera di suspense della vicenda, ma non fa molto per rendere realmente interessante la psicologia dei personaggi, che rimangono mere figure teatrali, tanto che il titolo dell’opera di Barber potrebbe essere Erika o anche Anatol.

A sessant’anni esatti dal debutto, Glyndebourne ripropone Vanessa in una produzione che ha meriti molto superiori all’opera stessa. Il regista Keith Warner gioca intelligentemente con il tempo. Come sono tre le donne e di tre diverse generazioni, tre sono anche i livelli temporali utilizzati: il presente della vicenda (gli anni ’50 del secolo scorso, quelli del debutto del lavoro); i vent’anni prima, alla partenza di Anatol; i quarant’anni prima, la giovinezza della baronessa. L’ambientazione non suggerisce un castello del Nord Europa quanto una mansion degli Stati Uniti, con i personaggi di colore che aggiungono un tocco di problemi razziali. Gli specchi, coperti per volontà di Vanessa, qui sono schermi solo in parte riflettenti montati dentro enormi cornici che ruotano o traslano per creare i diversi ambienti. L’elegante scenografia di Ashley Martin-Davis permette di rappresentare il passato che ancora perseguita le tre donne: lo spettacolo si apre con il grido di Vanessa che rivive il momento di quando diede alla luce un bambino morto, il figlio di Anatol probabilmente, il motivo del silenzio della madre con la figlia. O il flirt della baronessa da giovane con l’uomo di colore, il vecchio dottore, e così via. Molti sono i momenti rilevanti della regia di Warner, come la cameriera che piange non tanto per l’addio alla padrona, quanto per il padrone, con cui aveva un evidente affare sentimentale, o il feticismo per le pellicce femmminili del maggiordomo. Efficaci risultano il gioco luci di Mark Jonathan e le video proiezioni di Alex Uragallo.

Il direttore Jakub Hrůša evidenzia gli archi nella lettura della partitura, memore dell’“adagio per archi” che Barber aveva composto vent’anni prima, ma anche gli altri reparti dell’orchestra hanno il loro momento, come nella musica atmosferica che annuncia l’arrivo degli uomini che hanno ritrovato Erika, secondo consolidate convenzioni dell’opera o della musica da film. Altri casi di momenti topici sono quelli delle arie, qui songs, come «Must the winter come so soon» di Erika, «Under the willow tree» del dottore, o il quintetto «To leave, to break, to find, to keep».

Virginie Verrez delinea un’intensa Erika, Vanessa è Emma Bell, anche lei di grande presenza scenica, mentre il ruolo quasi muto della baronessa si avvale del cammeo di Rosalind Plowright. Il cast maschile è dominato da Edgaras Montvidas, Anatol, e dal vecchio dottore di Donnie Ray Albert.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...