Le voyage dans la Lune

VoyageLune_offenbach

Jacques Offenbach, Le voyage dans la Lune

direzione di Marc Soustrot

regia di Jérome Savary

scene di Michel Lebois

31 dicembre 1988, Grand Théâtre, Ginevra

Il 31 dicembre 1988 il canale televisivo FR3 manda in onda da Ginevra questo allestimento di Offenbach per celebrare la fine dell’anno. Jérôme Savary adatta liberamente il libretto per uno spettacolo che rispetta comunque lo spirito dell’originale pur passando da un film di Méliès al Ballo Excelsior a una festa di San Silvestro ad alto grado alcolico e umorismo goliardico.

Atto I. Scena 1: Principe Caprice. In una parte della Terra, su una grande piazza della capitale, il re Vlan sta preparando una festa in onore di suo figlio, il principe Caprice, che è tornato da un lungo viaggio intrapreso per la sua educazione. All’arrivo di Caprice, il re Vlan gli cede la corona, ma Caprice la rifiuta, non volendo governare o sposarsi, ma piuttosto avere libertà, movimento, aria, spazio… La Luna, allora nascente, gli dà un’idea della sua prossima destinazione. Chiede a suo padre di portarlo in questo luogo sconosciuto e inesplorato. Vlan cede e chiede a Microscopio, il più grande studioso del regno, di trovare un modo per arrivarci. Microscopio risponde che questa missione riguarda l’osservatorio. Scena 2: All’osservatorio. Interrogati, gli astronomi non rispondono e chiedono una commissione. Furioso per questa evasione, Caprice li cancella e propone di fare lo stesso a Microscopio se non trova un modo per andare sulla Luna. Microscopio fa in modo che si incontrino 8 giorni dopo nella sua fucina, e dice che nel frattempo troverà un modo per andare sulla Luna. Scena 3: Alla fucina. Gli operai della fucina finiscono il loro lavoro quando Vlan e Caprice arrivano 8 giorni dopo. Microscope svela il suo mezzo per arrivare sulla Luna: una granata lanciata da un cannone. A causa della probabilità che la missione vada male, Microscopio è costretto ad accompagnare Caprice. Vlan acconsente alle insistenti richieste del figlio e si unisce anche lui al viaggio. Scena 4: La partenza. Vlan, Caprice e Microscopio salgono nel proiettile. Gli artiglieri accendono la miccia e, con un’enorme detonazione, la granata sfreccia verso la Luna.
Atto II. Scena 5: La Luna. Sentendo voci misteriose, vediamo una città dalla strana architettura. Scena 6: L’arrivo. I seleniti osservano con timore un punto nero nel cielo, e uno chiede all’altro se non sia qualcosa inviato dai terrestri per sterminarli. Cosmos, re della Luna, e il suo consigliere Cactus tranquillizzano il loro popolo: la scienza ha dimostrato che la Terra è disabitata. Con uno schianto orrendo, il guscio si schianta su una casa e Vlan, Caprice e Microscope escono, mentre i seleniti si nascondono. I tre uomini osservano quello che sembra un pianeta desolato, e il loro umore si annerisce, visto che per le provviste rimangono solo mele. Alcuni seleniti si alzano, e Cosmos riappare per chiedere ai terrestri da dove vengono. La loro risposta insolente lo fa condannare alla prigione, ma arrivano la moglie di Cosmos, Popotte, e la figlia Fantasia. È il compleanno di Fantasia, e lei chiede al padre di avere pietà dei prigionieri e di liberarli come regalo di compleanno. Cosmos accetta e propone che i terrestri visitino il suo palazzo. Scena 7: Il palazzo di vetro. Cosmos e Cactus mostrano a Vlan, Caprice e Microscopio il servizio civile della Luna. Sulla Luna, lavorare per il re non è un lavoro felice e se non ci sono candidati viene scelta la persona più grassa. Scena 8: Le gallerie di madreperla. Caprice corteggia Fantasia, ma lei non capisce, non sapendo cos’è l’amore, poiché non esiste sulla Luna se non come malattia – quando si vuole avere un figlio, ci si chiede se c’è una zona di commercio in cui possa prosperare. Scena 9: Il parco. Caprice, disperato per la principessa Fantasia e la sua incapacità di amarlo, mangia una mela. La principessa, stupita dalla sua assenza, va a cercarlo. Attratta da questo frutto (a lei sconosciuto), lo assaggia. Chiamandolo «un regalo affascinante che ha mangiato in passato sulla terra», si innamora immediatamente di Caprice, mandando il palazzo in subbuglio. Scena 10: Le ombre vaganti. Quando cala la notte, lo scenario cambia e creature simili a fantasmi appaiono tra i rampicanti e improvvisamente delle luci brillano nelle loro teste, poi tutto scompare. Scena 11: I giardini di Cosmos. In grandiosi giardini con fiori e giochi d’acqua.
Atto III. Scena 12: Il consulto. I medici del regno esaminano Fantasia, chiusa nella sua camera, pazza d’amore. Lei fugge e trova Caprice. Per salvarla, Caprice suggerisce di rendere Cosmos amoroso dandogli una bevanda a base di mele. A causa della sua incurabile malattia d’amore, Cosmos propone di vendere Fantasia, come è abitudine sulla Luna quando una donna cessa di piacere. Caprice promette a Fantasia che la comprerà. Scena 13: Il mercato delle donne. Sulla Luna, il mercato delle donne è l’equivalente del mercato azionario. Microscopio è incaricato da Caprice di comprare la principessa e, visitando Quipasseparla, re del mercato azionario), negozia con lui nel caso in cui il ‘prezzo delle azioni’ salga. Quipasseparla non accetta e lo avvelena per impedirgli di partecipare alla vendita. Arrivano Vlan e Caprice, vestiti da ciarlatani. Propongono un elisir che, tra le altre cose, farà dimagrire le persone grasse. Questo elisir è molto prezioso, e solo un re ne è degno, quindi Cosmos ne è il felice beneficiario. Cosmos lo assaggia e va nel panico, credendosi avvelenato – in realtà, gli hanno fatto scoprire l’alcol. Quipasseparla vince Fantasia alla vendita. Scena 14: Il paese dei pazzi. Quipasseparla e il suo harem arrivano nel paese dei pazzi dove si fermano in una locanda. Arriva Microscopio, seguito da Popotte e da Cosmos, che si è innamorato perdutamente di lei. Popotte non ricambia il suo amore e così le aveva fatto bere l’elisir che la farà innamorare, ma Microscopio passa per caso in quel momento e lei si innamora di lui! Vlan e Caprice arrivano in cerca di Fantasia. Vlan si ferma a cena, mentre Caprice ritrova Fantasia e fugge con lei. Furioso per essere innamorato e per essere stato battuto da sua moglie, arriva Cosmos… La locanda impazzisce, Vlan e Microscopio vengono smascherati nonostante le loro finte pause. Le guardie reali vanno all’inseguimento di Caprice e Fantasia e li riportano indietro. Quipasseparla rinuncia alla principessa. L’inverno segue immediatamente l’estate in questo paese e quindi tornano nella capitale solo sotto la neve. Scena 15: 50 gradi sotto zero. Gran balletto dei fiocchi di neve.
Atto IV. Scena 16: L’imprigionamento dei portatori di mele. Le donne della Luna scoprono l’amore, ma il re Cosmo non ne vuole sapere. Vlan, Caprice e Microscopio vengono portati davanti a un tribunale e condannati a passare cinque anni all’interno di un vulcano spento, dove saranno completamente privi di qualsiasi tipo di nutrimento. Scena 17: Il ghiacciaio. Portati in cima al vulcano, prendono posto in una cesta con Cosmos per essere calati nel cratere. Scena 18: Il cratere. Arrivata sul fondo, Popotte taglia la corda, rimproverando il marito di voler far perire Microscopio. Si scopre che Fantasia si è nascosta nella cesta, volendo morire con Caprice. In questa situazione disperata, Cosmos promette ai prigionieri la libertà se trovano una via d’uscita. Scena 19: L’interno del vulcano. Cercano una via d’uscita tra rumori e detonazioni. Il vulcano comincia ad eruttare. Scena 20: L’eruzione. La scena si riempie di fuoco e di fumo; Microscopio viene mandato nello spazio da un’esplosione; Vlan e Cosmos cercano di trovare una via d’uscita. La lava riempie la scena. Scena 21: La pioggia di cenere. La cenere copre la scena. Scena 22: La cima del vulcano dopo l’eruzione. Caprice, Fantasia, Cosmos e Vlan giacciono a terra, dopo essere svenuti. Microscopio si è nascosto in una fessura e li sveglia. Popotte si precipita da loro – sono salvati. Scena 23: Il chiaro di Terra. La terra si alza e brilla sulla scena come un’aurora boreale. Tutti accorrono e cantano il coro finale, salutando la terra la cui luce brilla nello spazio.

Prima delle due operette derivate dai libri di Jules Verne (la seconda sarà Le Docteur Ox), l’opéra-féerie Le voyage dans la Lune – di Albert Vanloo, Eugène Leterrier e Arnold Mortier – è quella in cui la satira è più pungente: il governo della Luna è in mani esclusivamente maschili e le donne sono puramente funzionali (“femme utile”) o decorative (“femme de luxe”) e messe all’asta al miglior compratore. I bambini vengono “fatti” sull’altra faccia del pianeta e importati una volta all’anno e la corruzione significa mettere di tasca propria i soldi  nelle casse dello stato.

Creato il 26 ottobre 1875 al Théâtre de la Gaîté, di cui Offenbach era direttore, il lavoro fu ripreso con alcune aggiunte allo Châtelet nel marzo 1877. Nulla venne risparmiato per la messa in scena: ognuno dei 24 quadri aveva una sua propria scenografia – l’Osservatorio Astronomico parigino, un altoforno, un paesaggio lunare, un vulcano, un palazzo di vetro, gallerie di madreperla… – e furono approntati 673 costumi per cantanti, coro, ballerini e comparse. Il ruolo del principe Caprice venne interpretato da Zulma Bouffar en travesti. A Parigi l’opera raggiunse 247 rappresentazioni successive, ma nel frattempo era stata messa in scena anche a Londra e a Vienna.

L’Orchestre de la Suisse Romande è diretta con grande energia da Marc Soustrot e nello sterminato cast di interpreti si fanno notare i re, affidati a due glorie dell’opera in francese: Michel Trempont (Vlan) e Jules Bastin (Cosmos).